ARCHIVIO
 
 

Archivio sonoro

Recentemente l'Associazione ha costituito un archivio sonoro, responsabile del progetto è Michele Musso. Alcuni dei brani raccolti vengono trascritti da Imelda Ronco e pubblicati sulla rivista Augusta.

Le registrazioni che si intendono raccogliere non vogliono essere solo una testimonianza del passato, nelle quali si racconti esclusivamente della vita di un tempo. Oltre a queste testimonianze, importanti perché altrimenti destinate a sparire in silenzio, è importante raccogliere informazioni sulla vita di oggi, sulle attività lavorative, sul tempo libero, su come la modernità conviva con l'eredità dei walser e con la vita in montagna.

L'intento è anche quello di fotografare la situazione linguistica della comunità issimese, dando spazio non solo al töitschu ma anche alle altre lingue veicolate dalla comunità.

Ad Issime il plurilinguismo francese - italiano - piemontese - francoprovenzale (patois di Gaby) - dialetto walser è effettivamente esteso ad un'ampia fascia della popolazione, oltre ad essere storicamente attestato.

Per raccogliere queste informazioni, interessanti dal punto di vista etnografico e linguistico, ci si serve delle lingue e dei dialetti che i nostri informanti scelgono di usare, comunque, privilegiando sempre la spontaneità e la familiarità delle registrazioni. Le prime registrazioni del töitschu risalgono al 1929 affettuate dal Prof. Gysling e dal Prof. Hotzenköcherle.

In attesa di attuare il vero e proprio archivio sonoro, vi presentiamo un racconto di Esopo, "Il Gatto ed i Topi", tradotto da Imelda Ronco.

     

Ultima modifica: 10 settembre 2005
Risoluzione consigliata: 1024 x 768
 
 
© www.augustaissime.it - Responsabile del sito: Luigi Busso
Il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha, comunque, carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali.
Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7/3/2001.