La Rivista - Anno 2005
 
 

Testimonianze

ELENA BUSSO - SCHUTZERSCH-DSCHOANTSCH 

Issime, Crose/Kruasi - 26 febbraio 2005
     

Wir hen kheen a schelbit uab Eeru, un toa sewer cheeme chroutun a wuchu, un té hewer gloan z’hoei woa is gsinh. Un té a la fin dar wuchu, wénn hewer kheben allz gchroutut d’schelbit, hewer allz grechut zseeme z’hoei un hewes arvélt ingier aber d’schlucht unz villjen in Eeru, allz zseeme, an gruasse houfe hoei, das is gsinh an trüellji. Zu wénn z’ischt z’undruscht, woa z’hoei eréchterit is ischt an gruasse houfe hoei, un té doa hewer gvassut, trussi, un hewer brunnhe zam voade in Eeru.

Doa hewer gmachut unzana zwénzg, dréizg trussi, quindi is gsinh an gruasse houfe. Kwé van doa war henz nöit muan troan z’hoei ouf in Pressevinh, is gsinh tschebs um goan ouf, arvélt ingier allz zseeme.

 

Noi avevamo un schelbit sopra Eeru, là ci andavamo per una settimana a falcettare, e lasciavamo il foraggio dov’era. Alla fine della settimana, quando avevamo falcettato tutto il schelbit, si rastrellava tutto insieme il fieno e lo si faceva rotolare giù nel canalone fin quasi ad Eeru, tutto assieme, facendone un grosso mucchio di fieno, un trüellji. Poi quand’era in fondo, dove il mucchio di fieno si era fermato, lì preparavamo i carichi, e li portavamo al filo a sbalzo di Eeru.

Là facevamo addirittura venti, trenta carichi, quindi era un bel mucchio di fieno. Perché da là non potevamo portare il fieno su a Pressevin, era arduo salire, quindi abbiamo fatto rotolare tutto il fieno a valle.

     
     
Issime, Fornaz - 31 agosto 1999
     

“Sui prati mentre si raccoglie fieno e grossi nuvoloni minacciano pioggia”.

Imelda: Tra l’altro arrivurut d’schat sicher, wa um nunh hetz noch. Wénn z’ischt dorrs miewer woll vassun, neh! Um troan i geit noch as momanhdji! A voart hentsch gseit mu mieji - das isch gsinh za hoeju - mu mieji troan i unz das d’schat ischt im Bioultschucke. S’het mussu sinh woll dorrs um troan i unz dé.
Pina: Mu seiti nöit wa z’tau voat a z’vallen z’phent, neh! Wénn geischt awek bella mit da sockhe sua … is vallt phent z’tau ..
I.: Za hoeju valltschi minnur wéilu voart, wa .. nunh da muarge netzischti wi …
P.: Hentsch génh gseit septembre cheemi gruassi tawi.
I.: Bon, ich dé goani spreiten d’seil.
P.: Ben dé tu allz dou!
I.: Tun allz ich!? Viewer a .. héi van unna.
P.: Na, vien a va héi ischt tellur z’rechu, ankwe ischt d’-luft van unna.
I.: Wéllz ischt dorrur, diz dén doa ankeegen?
Freddi.: Dénghien diz!
I.: Miawer woll voan a va héi, dé!
I.: Lécken z’voade tuscht nua varlécke sua, das wieri lécken z’voade nunh henni gvassut, nunh hen gleit z’voade, wa nunh is zit. Tu unnerzi a söiri d’seil, um zin d’seil mussischt zi hinner vür das di trüeji gannhi.

Wélle voart tündsch auch moadu, wénn machuntsch mi l’imballatrice ol bela süscht tündsch allz . schabben zseeme, wa auch um oarvulun wélle woart hentsch gmoadut.

 

Imelda: Tra l’altro sta arrivando l’ombra di sicuro, ma per ora tiene ancora. Se è secco possiamo ben preparare i carichi, neh! Per ritirare ci va ancora un bel po’ di tempo. Una volta affermavano che si poteva - questo durante la fienagione – si poteva portare dentro fino a che l’ombra arrivava a Bioultschucke [il contrafforte di roccia su cui sorge il villaggio del Biolley -Bioulei]. Doveva essere ben secco per poterlo ritirare fino a quell’ora.
Pina: Non si direbbe ma la rugiada comincia a cadere presto, neh! Quando esci anche solo con le pantofole [si bagnano]… scende presto la rugiada …
I.: Durante i fieni ne viene di meno qualche volta, ma .. ora di mattina ti inzuppi come …
P.: Si è sempre detto che settembre è carico di rugiada.
I.: Bene, allora vado a stendere le corde [tendere le corde, fissandone il fermacorde nel terreno generalmente a monte, sopra vi si depongono le bracciate di fieno].
P.: Bene allora fai tutto tu!
I.: Faccio tutto io!? Iniziamo .. qui dal basso.
P.: No, iniziamo da qui è più facile rastrellare, perché arriva l’aria da sotto [la giornata è molto ventosa e rastrellare il fieno contro vento non è comodo].
I.: Quale è più secco, questo o lì contro?
Freddi: Penso questo!
I.: Possiamo ben iniziare da qui, allora!
I.: Chiudi il carico con le corde, agganci solo così, questo è solo agganciare, adesso ho completato il carico, adesso ho chiuso le corde, ma ora lui le stringe. Tira un po’ di sotto le corde, per tenderle bene devi tirare indietro in modo che i fermacorda scorrano [Posate le bracciate di fieno oarvala sulle corde distese, e impugnando i fermacorda e gli opposti capi delle corde, s’infilano questi dentro l’asola tirando per stringere, eventualmente facendo scorrere le corde, sotto il carico, se i fermacorde non sono a portata di mano. Quindi tenendo ferma rispettivamente ogni singola corda, per evitare che si allenti, con l’altra mano si forma un cappio che infilato sulla punta del fermacorda si autoblocca].

Qualche volta fanno anche le andane, se raccolgono con l’imballatrice o altrimenti raccolgono tutto assieme, ma anche per preparare le bracciate qualche volta facevano le andane.

     
     
Issime, Duarf - agosto 1999
«Due agricoltori sulla settantina (i nomi sono stati modificati), nel periodo dei fieni, discorrono sul lavoro pesante in campagna nei tempi passati e in ultimo sulla pioggia che dà problemi per la fienagione. La verticalità del lavoro in montagna è qui molto evidente».
     
Gianni: Goan ouf gian z’Keerisch Méji, hentsch kheen seksch chü, etwa mia, la! Ankwe dsch’hen keebe vir miria dors zam tag, un chroutun, seentsch, zwian tuhiti da muarge, zwian tuhiti dan oabe … in a wuchu ol zian toaga hentsch kesse um virzg miria dors, wénn d’gibbeschnen dors so helft, helft! A voart ischt gsinh das grobba, keen i … a söiri … doa ischt gsinh gmoatz.
Francesco: Ja was tu, doa ischt gsinh woagi.
G.: Ja wa dé gibbeschnen dors wi bickhjutu. Seksch ol sibe hopter gibbeschnen doa zwian tuhiti grünz, d’resti gibbeschnen dors, dschacki nöit machun kas!
Z’grüna het woagi das …
G.: Ah das toa ischt wi. sinh z’alpu un hoejun, ischt auch schwiars …
F.: Ah jia jia, in zwian üerter mascht nöit sinh.
G.: Ah ah bischt toa z’mittag lécken i, essen un té laufen un troan i, un té cheen amum, laufen, ah schwiars! A voart sén gsinh lljöit, wa das ischt gsinh schwiars.
F.: Welle voart Hantschloeisch Albert, cheen ingier all toaga machun z’ambéisse, troan i ambri un té gannh ouf. Ich lljibur dén machun a lebtag sua, ma ma!
G.: See wi seet toa – ja doa hets woll recht - B. im Rickard. ja B. heji gseit: “Lugun zu müssumu allz”. Ja müssischt woll lugun zu, ja wa z’meischta lugun zu müssewer auch d’gsüntit! Wissischt nöit franh!
F.: Ah dschacki! Ja wa B. chonnti woll …Wissischt woll das doa dar éttru Dschodefji, het dschi
génh chonnun phee … doa z’sielig Dschodefji.
G.: Ach! U Pantalljunh auch!
F.: Nunh Mattili ischt gsinh mia!
G.: Ja, Mattili: “Ich seen génh, goan miejen in d’schelbiti” – a voart sentsch séggi gsinh schianz bröi – “ Té machischt a stul, dschacki hescht unz za Winnachte”. Is het gsian génh grün! … Wéilu voart goan miejen lljütschill un tribuluru.
F.: Ja nunh bella hentsch z’vill, höit geit dén auch vill dinhi varluarni, neh!?
G.: Oh, ischt koarjit!
F.: Ja ja, ah ben ischt gsinh d’lljöit, was chimmischt kistiunurun, quindi!
G.: Was willischt tu! Gseit ischt gsinh lljöit, was willischt kistiunurun. In alli d’gumbu, ischt eis un an boffu, was wilt dasch tüji, wénn dsch’melhjen d’chü, lécken ous un essen an bissutu dan ganze summer, ischt njanka me hübsch. Mascht nöit machun miracles!
F.: Nümmi lécken a an pickutu mischt, bella d’weidu wénn di nöit bowischt varvoatsch nümmi khés dinh.
G.: Geit noch wol woa di léckischt d’lutzu. D’lutzu geit noch, la!
F.: Anche d’lutzu as poar joar werts … Höir müssewer mieje lljütschil ankwe...
G.: Ma ja, as wélz moal hejis téléfoné uger, is heji gwettrut!! Masch nöit hoeju… hoei enorme, is mat nöit sunnu…
 

Gianni: Andare su ad acquistare fieno da Maria Storto, avevano sei mucche, qualcosa in più, la! Perché davano loro 4 miria* (40 kg.) di fieno al giorno, e tagliare negli incolti fieno selvatico, dicono, due fagotti al mattino e due alla sera … in una settimana o dieci giorni hanno consumato per 40 miria (400 kg.) di fieno, se dai loro del fieno ebbene aiuta, aiuta! Una volta c’era quell’erba spessa, data insieme al fieno … un po’ … là era tagliata [erba di scarsa qualità tagliata fra gli alberi nei boschetti, si deve farla seccare per renderla digeribile. Vedi chroutaga].
Francesco: Sì ma cosa vuoi, quel [lavoro] era pesante.
G.: Sì ma poi dai loro del fieno secco è come un assaggino. Sei o sette bestie, gli dai due fagotti d’erba falciata, il resto fieno, sì che non fai caso! [Nel piano e nei mayen, in primavera prima di salire in alpeggio generalmente non si pascolavano gli animali – per preservare i prati - si dava loro dell’erba falciata, soprattutto se scarseggiava il fieno. Oggi, non si può avere tutta questa attenzione e cura, anche per il maggior numero di bestie e per il minor numero di persone impegnate].
F.: Trasportare l’erba verde pesa.
G.: Ah quello è come essere in alpeggio e fare i fieni al piano, è anche pesante ..
F.: Ah sì si, in due posti non puoi essere.
G.: Ah ah sei là a mezzogiorno ritirare il bestiame, mangiare e poi scendere a ritirare il fieno, e poi tornare su di corsa, ah pesante! Un tempo c’era più gente, ma era pesante comunque.
F.: Come Albert una volta, scendere [per i fieni] tutti i giorni a preparare il pranzo, ritirare il fieno al piano e poi su [di nuovo in alpeggio]. Io piuttosto che fare una vita del genere, ma ma!
G.: Dire come dice lì – sì lì ha ben ragione – B. del Rickard. Sì B. avrebbe detto: “Bisogna sorvegliare tutto”. Sì devi ben sorvegliare, sì ma quello cui devi guardare di più è anche la salute! Non sai proprio [cosa ti può succedere]!
F.: Ah già che! Sì ma B. saprebbe ben … [delegare ad altri il lavoro!!!] Sai bene che lo zio Giuseppe, sapeva sempre tenersi [in disparte], lì il povero Giuseppe.
G.: Ach! E Pantaleone pure!
F.: Ora Matteo non era da meno!
G.: Sì, Matteo: “Io dico sempre, andare a falciare nei prati alti” - una volta dicono ci fosse del buon brugo [nome botanico] - “Ne fai un mucchio, sì che ne hai fino a Natale”. Vedeva erba dappertutto! [ma anche lui parlava e poi delegava]. Ogni tanto andare a falciare poco e tribolare! [così era una volta].
F.: Sì ora hanno troppo, oggi tante cose vanno anche perse, no!?
G.: Oh, è vero!
F.: Sì, sì, ah ben c’era gente una volta, cosa vuoi discutere, quindi!
G.: Cosa vuoi fare! Abbiamo detto c’era gente, cosa vuoi discutere. In tutto il vallone [situazione attuale] c’è una persona e un ragazzo, cosa vuoi che facciano, se mungono, pascolano e mangiano un boccone, così per tutto l’estate, non è neanche più un bel vivere. Non puoi fare dei miracoli!
F.:Neanche più concimare un po’, così se non concimi anche il foraggio non vale più nulla.
G.: Dove concimi va ancora bene. Il letame va ancora, la!
F.: Anche dove concimi per un po’ di anni dura ancora … Quest’anno dobbiamo falciare poco alla volta poiché [piove sempre].
G.: Ma si, l’altra sera, pare abbia telefonato su dicendo che aveva piovuto!!! Non puoi fare i fieni … tanto fieno, e non fa sole per seccarlo.

     
* In Piemonte sono tuttora vivi due lacerti della introduzione del Sistema metrico effettuata dai Parroci attorno al 1850, il miria come abbreviazione di miriagramma, usato nel commercio delle uve e lo stero, sinonimo del metro cubo, correntemente impiegato nel commercio della legna e di paglia o fieno. In questo caso l’uso del miria è esteso al fieno.

Issime: “Khéjen d’seil”Zwei gseiti

  • Wénn d’holdernu blljüschtit z’hoei ischt réifs.
  • Woa schloat d’muargusunnu, z’hoei ischt nützlljugur.
  • Z’oamat mussmu dérre mit dam reche.
  • Chi ch-a cata fen, s’a l’é nen pouvr òm al ven.
  • Loa vallen da reche ous ter d’hann, wil seen varlljiren z’oamus, un schloan zseeme d’rechi tüji z’cheen dar winn … seentsch.
  • Dar kucker het kheen z’nescht in di zétti hoei, wa d’wéiber zéntsch schochnu, hen mu khoalten in schoche z’lljick kuckerllji, sitter wénn dar gsit d’schochna, dar kucker antwüscht ouf z’alpu.

Qualche detto

  • Allorché fiorisce il sambuco il fieno è maturo (si intende fieno di primo taglio).
  • Dove batte il sole mattutino, il fieno è migliore.
  • Il fieno di secondo taglio si deve far seccare col rastrello (cioè si deve voltarlo più volte).
  • Chi acquista del fieno, se non è povero lo diventa.
  • Lasciar cadere il rastrello dalle mani significava dover rinunciare alla merenda, e urtare fra di loro i rastrelli avrebbe provocato il vento.
  • Il cuculo aveva il nido nella distesa di fieno falciato, ma le donne, mentre lo ammucchiavano, gli nascosero il piccolo in uno di questi mucchi; da allora quando vede il fieno ammucchiato, il cuculo se ne vola via, sale all’alpeggio.

Nomenclatura

  • hoeji s.f.pl. d’ ~ ; fienagione; za hoeju loc. al tempo dei fieni (primo taglio, giugno-luglio).“Zin dan persal”
  • oamedi s.fpl.. d’ ~ fienagione (secondo taglio); zan oamudu loc. al tempo dei fieni (secondo taglio, agosto).

Tipo di prato da sfalcio

  • almini s.f. d’ ~ ; beni comunali. Era consuetudine fare richiesta ai comuni per lo sfalcio dei fondi di proprietà comunale. Si trattava di prati magri, incolti, perlopiù utilizzati da quelle famiglie che non ne possedevano.
  • eegerdu s.f. d’ ~ d’eegerdi; prato scosceso, generalmente nei mayen.
  • joa / joach s.m. da ~ d’jiena; porzione di prato ben delimitato, senza pietre, cespugli o erbe non appetite dal bestiame (che andrebbero evitate mentre si falcetta) e quindi comodo da falciare (col falcetto); generalmente un prato magro incolto, ma indica anche un prato nel piano, discosto, vicino ai boschetti, con le stesse caratteristiche.
  • Ted. mod. joch, antica (in Austria ancora utilizzata) misura di superficie agraria coltivabile dalle 30 alle 55 are, corrispondente ad una porzione di campo, che può essere lavorata da una coppia di buoi in una giornata; deriva dal latino “iugerum” antica misura agraria romana pari a circa 2500 m2 (25 are), 71 m in lunghezza x 36 in larghezza.
  • mattu s.f. d’ ~ d’matti [Wiese] prato nel piano (fondovalle).
  • schelbit s.n. z’ ~ d’schelbiti; meale fenerario (pendio erboso magro incolto dove generalmente si falcia col falcetto) ove cresce prevalentemente erba ollina vacksu.
  • umdinhi s.n.pl. d’ / umjiena s.m.pl. d’ ~; appezzamenti sparsi rimasti da falciare nei dintorni della fattoria.

Fieno

  • arwinnen, arwunne v.tr. [zurückkommen] foraggio che ridiventa umido dopo il tramonto.
  • baschterweidu s.f. d’ ~ ; fieno di secondo taglio dopo il pascolo avvenuto in primavera (in piemont. “la bastarda”).
  • blumi s.f.pl. d’ ~; briciole di foraggio utilizzate per la lettiera del bestiame e anche per asciugarne il pelo.
  • bossu s.f. d’ ~ d’bossi; fascio di foraggio verde (raccolto negli incolti), legato con due corde. buadelécku agg. foraggio ammuffito in fondo alla catasta.
  • brunz s.m. dan ~ costitito da alcune manciate hampfili di fieno selvatico. Si affastellano i brunz per fare i veschal.
  • chorbetu s.f. d’ ~ d’chorbeti; contenuto di una gerla. chrout s.n. z’ ~ d’chröiter [Kraut] erbaggio, ortaggio.
  • chroutaga s.n. z’ ~ ; foraggio selvatico (raccolto nei “schelbiti” meali e nei boschi, anche nei boschetti di alberi a medio fusto come gli ontani e frassini dove l’erba è di scarsa qualità, piuttosto grossolana). Questo foraggio era dato in aggiunta mierutu al normale pasto con fieno di buona qualità, dopo aver abbeverato il bestiame alla fontana del villaggio.
  • chroututu s.f. d’ ~ d’chroutiti; erba da falciare col falcetto, là dove la falciatura con la falce fienaia è impedita da ostacoli quali alberi, sassi, anfratti, muri e ruscelli. La si falcetta prima di spandere l’erba falciata con la falce. chroutigs agg. foraggio selvatico.
  • drischtu s.f. di ~ di drischti; pagliaio di forma conica con palo centrale, anticamente usato per la conservazione del fieno all’aperto.
  • funhke s.m. da ~ d’funhki; fascio di foraggio di piccole dimensioni.
  • funkji s.n. z’ ~ d’funkjini; fastello di foraggio. ghoejut agg. ritirato (fieno). ghoufut agg. ammucchiato (foraggio). gmoat agg. falciato. gmoadut agg. preparato a filare per la raccolta (foraggio).
  • gschlljivert s.n. z’ ~ ; foraggio non maturo, scadente. gschochnut agg. ammucchiato (foraggio).
  • gselvadschurut agg. sciupato dal vento e dalle interperie (foraggi, piante).“Machun z’hoptluch”
  • gvüter s.n. z’ ~ [Futter] foraggio.
  • hampfelu s.f. d’ ~ d’hampfeli [Handvoll] manciata di fieno selvatico tagliata col falcetto.
  • hoei s.n. z’ ~ d’hoeji; [Heu] fieno. hoejilti/ as schienz ~ loc. un bel fieno fine e di buona qualità. koarvulut agg. preparato in bracciate (foraggio).
  • léddi s.f. d’ ~ d’léddini [Last] carico di fieno.
  • leesutu s.f. d’ ~ d’leesiti; rimasuglio dal fascio di foraggio. melch agg. foraggio che fa produrre tanto latte.
  • moade s.m. da ~ d’moadi; l’erba che tagliata con la falce fienaia, forma una lunga striscia o andana (una specie di ‘onda’ formata dall’erba falciata); dan zwivelte ~ loc. la doppia andana d’inizio di foraggio falciato (vedi hinnerschloan v.tr.).
  • nützlljig agg. [nützlich] di fieno produttivo (vedi melch).
  • oamat s.n. z’ ~ [Emd] secondo fieno, guaime (piemont. riorsa).
  • oarvul s.m. dan ~ d’oarvala; bracciata di fieno.
  • penhkal s.m. dan ~ d’penhkla; fascio di foraggio semiverde (con due corde).
  • persal s.m. dan ~ d’persala [Heubündel] fascio di foraggio secco, legato con due corde, costituito da 4-5 bracciate (distese sulle corde a coppie sovrapposte, due davanti e due dietro). Il fascio è trasportato di traverso.
  • schoche s.m. da ~ d’schochna [Heuschober] piccolo cumulo o meta per preservare il fieno dall’umidità notturna o da un temporale. I mucchi del fieno di primo taglio normalmente sono più grandi per l’abbondanza d’erba, ma generalmente è col secondo taglio, anche per le mutate condizioni atmosferiche, che si ammucchia il fieno sui prati.
  • schwederutu s.f. d’ ~ d’schwedereti; resti di foraggio da tagliare o da ritirare.
  • ströitschutu s.f. d’ ~ ströitschiti; resti di foraggio da rastrellare.
  • trüellji s.f. di ~ di trüelljini; grosso rotolo di foraggio o frasche, da far scendere a valle; loc. machun an trüellji ~ far rotolare un mucchio di fieno formando un ammasso uniforme.
  • trussu s.f. di ~ di trussi; fascio di foraggio legato con tre corde, per dare maggiore stabilità. È utilizzato per i trasporti lunghi, costituito da 4-5 bracciate più larghe in quanto distese su tre corde. Il fascio è trasportato per lungo , con il capo fra la prima e la seconda corda e con il maggiore ingombro in avanti.
  • tuhetu s.f. di ~ di tuheti; fagotto di foraggio legato in un telo.
  • vacksu s.m. da ~ d’vagsi; erba ollina – Festuca varia (nom. bot.), cresce nei prati magri. varhoejut agg. troppo maturo (foraggio).
  • veschal s.m. da ~ d’veschla [Heubündel] fascio di fieno verde portato dall’incolto (legato con due corde) e messo a seccare nei pressi della fattoria. Il passaggio, spesso obbligato, in sentieri stretti fra rocce e comunque pericolosi, imponeva il trasporto del fascio per lungo.
  • wüsch s.m. da ~ d’wüscha / wüschji s.n. z’ ~ d’wüschjini (termine più usato nella forma diminutiva; usato anche a Gaby con lo stesso significato); porzione di foraggio - a forma di piccolo fagotto - per il bestiame. Per ogni capo si davano due porzioni di fieno di primo taglio, e una porzione di fieno del secondo e qualche manciata di fieno “selvatico”, in tutto una decina di kg. circa.
  • zétti s.f. di ~ di zéttini; distesa di foraggi.

Attrezzi

  • chuarb s.m. da ~ d’chuarba [Korb] gerla / chorbetu s.f. d’ ~ d’chorbeti; contenuto di una gerla.
  • settemchuarb s.m. da ~ gerla per il trasporto del fieno.
  • hoeichuarb s.m. da ~ gerla per il trasporto del fieno.
  • kürvutu s.f. d’ ~ d’kürviti; telo per foraggio o strame (lenzuolo) / tuhetu s.f. di ~ di tuheti; fagotto di foraggio legato in un telo. Il telo era utilizzato per trasportare i rimasugli di fieno rimasti sui prati, non sufficienti a farne un carico più grande persal. Si ricorreva al telo anche per il trasporto del foraggio preparato in porzioni wüschjini da portare dal fienile alla stalla, quando i due locali non erano collegati tramite una botola kannu.
  • lljüeschetu s.f. d’ ~; telo per raccogliere fieno selvatico. Per la raccolta ci si muniva di un telo rettangolare, che si legava sul petto e si lasciava pendere a sacco lungo la schiena, aperto sul lato sinistro per depositarvi l’erba: tale sistema aveva il pregio di evitare gli sprechi perché l’erba raccolta si ammucchiava senza perdite nella sacca, e di lasciare libere le mani alla raccoglitrice, che poteva così muoversi agevolmente anche su un terreno difficile, dove non era possibile ammucchiare l’erba man mano raccolta. (dal verbo lljüeschen, glljüescht v.tr. [ausgiessen] versare).
  • reche s.m. da ~ d’rechi [Rechen] rastrello.
  • chammilti s.n. z’ ~ d’chammiltini; i due bastoncini laterali in legno di frassino, di rinforzo per la dentiera del rastrello.
  • joch s.n. z’ ~ d’jochi ; dentiera del rastrello, un tempo in legno di noce.
  • noagal s.f. da ~ d’noagla [Nagel] cavicchio di legno per fissare il manico del rastello alla dentiera. .
  • rechunzann s.m. da ~ d’réchunzénn; dente di rastrello in legno di albor, Laburnum alpinum – citiso (maggiociondolo). Legno duro e compatto che consumandosi non si scheggia, scorrendo agevolmente sul terreno senza offrire resistenza.
  • rechustill s.m. da ~ d’rechustilla; manico di rastrello in legno d’abete.
  • seegursu s.f. d’ ~ d’seegersi; falce fienaia.
  • hanthebbu s.f. d’ ~ d’hanthebbi; impugnatura in legno sull’asta della falce.
  • véiru s.f. d’ ~d’veiri; anello per montare la falce.
  • wéck s.m. da ~ d’wécka [Keil] cuneo.
  • wuarb s.m. da ~ d’wuarba; manico di falce.
  • sichju s.f. d’ ~ d’sichji [Sichel, Rundsichel] falcetto.
  • tanhla s.m.pl. di ~; battifalce.
  • schlljifeter s.m. da ~ ; porta cote.
  • tanhal/ dan uabren ~ loc. martello battifalce.
  • tanhal/ dan undren ~ loc. incudine battifalce.
  • wetstein o schlljifstein s.m. da ~ [Schleifstein] cote.
  • furkinh s.n. z’ ~ d’furkinh [Heugabel] forcone.
  • hoeiéise s.n. z’ ~ ; trinciaforaggi.
  • troméise s.n. z’ ~ di troméise; trinciaforaggi.
  • seil s.n. z’ ~ d’seil [Seil] corda.
  • trüju s.f. di ~ di trüji; fermacorda (troclea), nell’asola attraverso un foro passante è infilata una corda.

Azioni

  • amprechen, amproche v.tr. [urbar machen] affilare una falce nuova.“Bürren mit dam chuarb in Rimella”.
(Un altro modo per caricare il fieno).
  • artrüelljen, artrüelt v.tr. far rotolare un mucchio di fieno a valle. artun da moade vedi zétten.
  • chieren um, gchiert um v.tr. rivoltare il fieno col rastrello, per consentirgli di asciugare perfettamente.
  • chnechta / nöit loan zu loc. non lasciare ciuffi d’erba (falciando).
  • chroutun, gchroutut v.tr. falciare col falcetto; ~ gnuat loc. falciare a fondo, per bene.
  • étzen, kétzt v.tr. consumare il foraggio. gnuat agg. chroutun ~; ströitschun ~; falciare e rastrellare per bene, a fondo. goan z’joa / joach loc. andare a lavorare la campagna, falciare (o altri lavori).
  • hinnerschloan, hinnerschloage v.tr. ribattere con la falce la prima andana (una specie di ‘onda’ formata dall’erba falciata). Il falciatore inizia normalmente da un lato della pezza da falciare per giungere al limite opposto, tornando indietro “ribatte” la prima striscia o andana, sospingendo l’erba alla sua sinistra. In questo modo la seconda andana, che si ottiene riprendendo a falciare dal lato di partenza, trovandosi molto vicina alla prima ne forma una doppia dan zwivelte moade. Questo operazione evita che l’erba della prima andana si ammucchi sull’erba non ancora falciata di un prato di altra proprietà, su un muro di confine o su un ruscello.
  • hoejun, ghoejut v.tr. fare i fieni. houfun, ghoufut v.tr. ammucchiare.
  • lécken fümmili loc. organizzare una corvée di donne per il trasporto di fieno o per lo sfalcio dei meali prati magri incolti. lécken zu loc. crescere (foraggi).
  • miejen, gmiet v.tr. [mähen] falciare. La falce fienaia è guidata da destra verso sinistra con movimento che disegna quasi un semicerchio. Il falciatore procede formando sulla sua sinistra un’andana detta moade (una specie di ‘onda’ formata dall’erba falciata) e quando raggiunge il limite della pezza da falciare, torna indietro ed inizia una nuova striscia. L’erba tagliata dal movimento preciso e regolare della falce rasente il suolo ricade sulla lama ed è per questo sospinta verso sinistra.
  • moadun, gmoadut v.tr. raccogliere il fieno col rastrello in lunghe andane, per favorire la preparazione dei carichi persal o trussu.
  • oamudun, koamudut v.tr. fare la fienagione (secondo taglio).
  • oarvulun, koarvulut v.tr. fare bracciate. Con il rastrello si ammucchia il fieno stringendolo contro il proprio piede per costituire una bracciata oarvul che con altre, almeno quattro ma anche più, andrà a formare un carico persal o trussu.
  • rechutu s.f. d’ ~ d’recheti [Rechen] rastrellata. rechun, grechut v.tr. [rechen] rastrellare.
  • rojurun v.tr. trafficare col fieno (rastrellare, rivoltare, ammucchiare etc.) es. “Mit dischem zéit lljéivrumu nümmi z’- rojuru” - con questo tempo incerto non si finisce più di trafficare col fieno. (dal piemont. rojè, girare).
  • schelbuturun v.tr. andare a falciare erba nei prati magri schelbiti (fine luglio inizio agosto).
  • schochnun, gschochnut v.tr. raccogliere il fieno in piccoli cumuli (mete) per preservarlo dall’umidità notturna o dalla pioggia.
  • stroeifen, gstroeift v.tr. [ausrupfen] strappare erbaggi, foglie.
  • ströitschun, gströitschut v.tr. rastrellare a fondo, perché non vada perduta la più piccola quantità di foraggio.
  • stulun, gstulut v.tr. [aufschichten] accatastare, catastare. stulun i loc. immagazzinare.
  • tennhelljen, tennhilljit v.tr. [dengeln] martellare la falce. troan i loc. ritirare i foraggi.
  • umrechun, umrechut v.tr. ripulire col rastrello intorno al fagotto di foraggio.
  • umrechun di zétti v.tr. rastrellare ciò che rimane dopo aver spostato qualche mucchio di fieno schoche, per radunarlo. Il fieno di secondo taglio ha una resa più bassa rispetto a quello di primo, sparso sul prato – dopo un giorno di essicazione – si tende a riunirlo, per comodità e risparmio di lavoro.
  • umzin, umzuahe v.tr. ripulire il fagotto di foraggio nel fienile o nel prato.
  • unnerzi, unnerzuahe v.tr. far scorrere le corde sotto il carico di fieno, sfilare le corde.
  • vassun, gvassut v.tr. [laden] caricare, preparare carichi. veschlun, gveschlut v.tr. falciare e preparare i fasci di fieno selvatico.
  • virnen, gvirnit v.intr. invecchiare (foraggi e aridi).
  • widerchieren, widergchiert v.tr. rivoltare più volte il fieno col rastrello.
  • wüschun, gwüschut v.tr. preparare le porzioni di foraggio.
  • zartroan, zartroage v.tr. [zerstreuen] disperdere da parte del vento del fieno.
  • zarzétten, zarzétt v.tr. [zersplittern] disseminare, sparpagliare.
  • zétten moadi, zétt v.tr. [ausstreuen] (oggi usato anche artun da moade lett. aprire l’andana), spargere l‘erba dopo lo sfalcio per permettere l’essicazione, con l’aiuto del rastrello.
  • zétten d’schochna loc. spargere al mattino i cumuli di fieno, preparati la sera precedente a protezione dall’umidità notturna o dalla minaccia di pioggia.
  • ziggurun, ziggurut v.tr. [einstapeln] ritirare in più luoghi al riparo e alla rinfusa del fieno non ancora secco.
  • zin, zuahe v.tr. [anziehen] stendere, tirare.
  • zwüschweegun, zwüschweegut v.tr. trasportare i fasci di fieno a tappe, solitamente dai mayen al piano.

Luoghi e Persone

  • balmu s.f. d’ ~ d’balmi [Höhle] ricovero sotto roccia, anche utilizzato per stipare temporaneamente del fieno, generalmente nei pressi di incolti produttivi (Se le balme si trovano nei pressi dei villaggi, spesso servivano a ritirae le foglie secche raccolte in autunno, foglie usate poi come lettiera per le vacche e anche fascine di legna fine).
  • boeje s.m. dan ~ d’boeji [Dachboden] soppalco del fienile.
  • tschallanzinher ~ s.m. dar; le donne potevano ricorrere in caso di necessità all’aiuto di braccianti a giornata e, nel periodo della fienagione, di falciatori provenienti da altre valli alpine, designati a Issime con il nome di tschallanzinher in quanto originari prevalentemente di Challand-Saint-Victor e Challand- Saint-Anselme in Val d’Ayas.
    La migrazione estiva di falciatori della Val d’Ayas verso Issime e altre località della Valle del Lys è ricordata da Janin (Le Val d’Aoste. Tradition et renouveau, Grenoble, Allier, 1968, p. 156). Ad Issime l’ultima traccia di questa presenza è rappresentata dal termine tschallanzinher, a fianco del tedesco mieder, per indicare genericamente un “falciatore”, oltre che nei registri parrocchiali dei matrimoni che annotano (in una comunità peraltro fortemente endogama) alcuni matrimoni tra donne issimesi e uomini di Challand-Saint-Victor e Challand-Saint- Anselme.
  • chrouteri s.f. d’ ~ d’chrouterini; falciatrice (persona).
  • dilli s.f. di ~ di dillini [Scheune] fienile.
  • hoptluch s.n. z’ ~; buco per infilare la testa in un fascio di foraggi.
  • kannu s.f. d’ ~ d’kanni; abbattifieno che permetteva di far scendere dal fienile, direttamente nella stalla, il foraggio.
  • mieder s.m. dar ~ d’miedera [Mäher] falciatore.


Ultima modifica: 13 gennaio 2006
Risoluzione consigliata: 1024 x 768
 
 
© www.augustaissime.it - Responsabile del sito: Luigi Busso
Il presente sito non costituisce testata giornalistica, non ha, comunque, carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilità dei materiali.
Pertanto non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7/3/2001.