Il Forno di Stubbi

Set 3, 2021

Issime, 3 settembre 2021

In località Stubbi ultimo avamposto insieme al vicino insediamento di Vlüeckhji, della colonizzazione walser, come insediamento permanente, nel Vallone di San Grato, a 1.800 m s.l.m. –
– dopo una prima ricognizione due anni or sono con la Soprintendenza della R.A.V.A.
– dopo aver effettuato l’analisi dendrocronologica su materiale ligneo presente nella muratura del manufatto e datato quindi al 1425 d.C.,
– dopo aver documentato l’esistente con un rilievo dell’archeologo rilevatore Carlo Gabaccia
– dopo aver studiato e indagato il vicino mulino di Stubbi datato al 1421
– dopo aver rimosso un’enorme lastra di pietra crollata che fungeva da soffitto del locale antistante la camera del forno (verrà riposta nella sua sede originaria nel prossimo intervento, accanto ad altre due lastre ancora in situ)
Finalmente l’equipe guidata dall’archeologo Mauro Cortelazzo ha potuto scavare e studiare il forno di Stubbi,
coevo al vicino mulino, certamente frutto di un disegno unitario di insediamento in questa località all’inizio del XV secolo. I reperti trovati: vasellame in terracotta, elementi litici, una antica chiave e delle travi combuste, che fanno ipotizzare un incendio che distrusse il complesso annesso al forno, uno stadel (rascard). Ora potremo procedere al successivo livello di indagine … to be continued

Sulla homepage del sito trovate il video con la relazione divulgativa dell’archeologo Mauro Cortelazzo sui mulini ed sul forno di Stubbi

Immagini correlate