Pirubeck

Nov 19, 2021

Issime, 19 novembre 2021

 

PIRUBECK

Una giornata di nebbia come quella di oggi non può che far pensare al nostro Pirubeck e all’omonima poesia dell’issimese Albert Linty.

PIRUBECK… E’ un caratteristico e leggendario spuntone roccioso che si erge come un dente aguzzo tra le pietraie che fiancheggiano a sinistra il corso del Lys a dominare il Duarf, il capoluogo di Issime.

Chi era Albert? Era figlio del notaio issimese Luigi Linty, discendente da una famiglia di antico lignaggio chiamata z’Avukatsch che aveva come capostipite l’ultimo giudice della Vallesa l’avvocato Jean-Pantaleon Linty (1708-1771), e della signora Modesta Consol Stoffultsch che lo mise al mondo ad Issime il 7 gennaio 1906. Ebbe il diploma magistrale ma svolse il lavoro di segretario comunale per lunghi anni a Verrès.

Amò molto il paese natìo e dimostrò tale affetto lavorando con passione sul dialetto che ovviamente conosceva molto bene. Il 30 luglio 1967 fu tra i fondatori dell’Associazione AUGUSTA che nei due giorni seguenti ospitò proprio ad Issime il secondo Congresso dell’A.I.D.L.C.M. (Associazione Internazionale per la Difesa delle Lingue e delle Culture Minacciate) Congresso cui parteciparono insigni personalità della cultura europea.

Oltre a vari scritti (poesie, racconti, dialoghi) pubblicò sulla rivista AUGUSTA lunghi elenchi di VERBI (arricchiti da frasi che utilizzavano tali voci verbali) elenchi che, nelle sue intenzioni, erano la base per la realizzazione di quel vocabolario che, pubblicato nel 1988, egli non potè vedere poiché era già mancato il 22 settembre 1983.

Il suo impegno culturale verso la lingua degli avi gli valse la nomina a membro dell’Accademia Sant’ Anselmo di Aosta.

Questa poesia è un prezioso compendio di storia naturale e di storia antropica, arricchito dalle nuances del dialetto e soffuso di una certa aura magica (l’animismo che fa parlare questa antica roccia) che crea un alone poetico anche quando ci parla di pane e cacio o di muratori nei cantieri con relative morti bianche.

“Pirubeck” compare su “Orizzonti di poesie”, un’antologia di testi in töitschu (issimese) e titsch (gressonaro) pubblicata nel 1995 a cura del Centro studi e cultura walser della Valle d’Aosta in collaborazione con l’Associazione Augusta. Dall’introduzione del volume suddetto, a firma Peter Zürrer, rileviamo solo queste poche righe:

“L’autore che scrive in forma dialettale invece che in italiano (o in una qualsiasi altra lingua) fa capire che questa scelta implica:

– un rapporto fondamentale con la comunità che possiede l’idioma impiegato,

– un collegamento con la propria infanzia che è un periodo durante il quale il dialetto era acquisito per poi essere usato come unica lingua,

– un nesso con un sistema culturale minacciato del quale gli autori sono partecipi,

– un appello, cosciente o meno, all’esigenza di conservare quel bene rappresentato dal patrimonio linguistico.

Per comodità del lettore le strofe della Poesia sono numerate.

PIRUBECK: Il significato di questo toponimo fu richiesto direttamente ad Albert Linty nella sua casa in località Tontinel ad Issime ed egli rispose con semplicità che, secondo lui, il nome era formato da due parole: BIRRU  =  pera    (d’birru / d’birri –TM e Birne ) e BEK = becco (dan beck / d’becka – TM r Schnabel). Il significato sarebbe quindi: un becco a forma di pera. L’ipotesi più certa, anche prospettata da Jean-Jacques CHRISTILLIN in Lègendes et rècits recueillis sur les bords du Lys, nella leggenda La fée de Piroubec et la légende de Fontaineclaire, è che il termine sia collegabile al francese “bec de pierre” o al patois bec de pèira; che con la tipica costruzione alla tedesca dei sostantivi composti avrebbe originato il più issimese PIRU (gen.) – BECK (becco di pietra).

Immaginiamo dunque che la nostra mitica roccia, con magico effetto di dissolvenza, si trasformi in un vecchio grigio per antico pelo e …ci rivolga la parola:

ICH BIN OALTS

          UN GROAWS

                    UN LOAMS

1

Vümmig Joar ich heji wéllteder wissun?

nuan dar Ljibi Gott méchtini antcheeden:

ich bsinnimi nümmi si wénn i leeben

sua mannich ni nöit seen wénn ich dén lljéivrun.

Peut-etre voudriez-vous connaitre mon age?

Le Bon Dieu seulement pourrait vous répondre:

je ne me souviens pas depuis quand j’existe,

je ne saurais vous dire quand je finirai.

 

Quanti anni io abbia vorreste sapere?

Solo il Buon Dio potrebbe rispondervi:

non mi ricordo più da quando io vivo,

così non vi posso dire quando finirò.

 

2

A schupputu tousunh Joar Hinner ündsch Voald

ischt gsinh an einegen Glétscher : nöit anner

dé Neebla, Geivéri, Éisch, un doa drunner

oan Sunnu, vür as lénhs Zéit hennich gschpürt choalt.

 

Plusieurs siècles arrière, notre Valleise

était tout un glacier, il n’y avait rien autre

que de grands nuages, de la glace, et là dessous

sans soleil, pendant longtemps j’ai souffert le froid.

 

Tante migliaia di anni fa la nostra valle,

era un unico ghiacciaio: nient’altro

che nuvole, nebbie, ghiaccio, e lì sotto

senza sole, per un lungo tempo ho sentito freddo.

 

3

Noa sövvil beitun, ischt du gcheen ous d’Grüni

den Glétscher het dschi kheben widerzuahen;

laufen z’wasser in d’Lljéisu hennich mua luasen,

séin gwacksen d’Woalda van z’Grün unz in d’Mühni.

 

Après une longue attente, l’herbe est sortie,

le grand glacier s’était desormais retiré;

j’ai pu alors entendre l’eau couler dans le Lys,

les forets ont crus dès la plaine jusqu’aux Muhnes.

 

Dopo tanto aspettare, è poi cresciuta l’erba,

il ghiaccio si era ritirato;

scorrere l’acqua nel Lys ho potuto ascoltare,

sono cresciuti i boschi dal piano a Mühni.

 

4

Zu, d’iestun Tschemmini hen gvannhen a cheemen,

ellji wilti un Lénnhini aller Suart,

Oari, Vücksch, Vogla un i mia van in a Uart

unza d’Beeri un d’Wolva hennich gsien laufen.

 

Ensuite, sont venus les premiers animaux,

tous sauvages, reptiles de toute sorte,

aigles, renards, oiseaux, et de quelque coté

parfois meme des ours, des loups j’ai vu courir.

 

Poi i primi animali hanno iniziato ad apparire,

tutti selvatici e serpi di ogni specie,

aquile, volpi, uccelli, e in più di un luogo

persino gli orsi e i lupi ho visto correre.

 

5

Vill spoatur hennich gsien zannen d’iestu Lljöit:

dschi hen gvannhen an trommun as Poar Woalda,

u sua vür hen a Scheerm hendsch ghousut Stoadla,

éttlljugu deeru miewer noch schétzen höit.

 

Longtemps après ont paru les premières gens:

elles ont de suite exploité quelques forets,

et pour l’abri, elles ont batit des rascards,

de ceux qu’encore nous pouvons bien apprécier.

 

Molto più tardi ho avvistato le prime persone:

hanno iniziato a tagliare qualche bosco,

e tanto per avere un riparo hanno costruito qualche rascard,

alcuni dei quali possiamo ancor oggi ammirare.

 

6

Khémentsch wisst va woa déi Lljöit séggi gcheemen:

van uabna, van unna, van béi al va wéit?

ischt nöit müdlich z’is wissun noa sövvil Zéit?

Is growmich vill z’nöit muan in das ni helfen.

 

Personne ne sait d’où ces gens sont parvenues:

d’en haut ou d’en bas, ou bien de près ou de loin?

qu’on ne puisse le savoir après si longtemps?

je ne peux pas, hélas, en cela vous aider.

 

Nessuno sa da dove quelle persone siano giunte:

da sopra, da sotto, da vicino o da lontano?

Non è possibile saperlo dopo tanto tempo?

Mi spiace tanto di non potervi aiutare.

 

7

Annevört ünz Lann ischt gsinh gruassur de nunh,

héi z’mier teil hedder nji kheben gnug z’essen,

sua vill Manna hen génh mussun goan, um helfen

dä Houslljöite, itschich, un dschi amboschurun

 

Jadis, notre pays était bien plus peuplé,

ici vous aviez trop peu de nourriture,

ainsi plusieurs hommes ont toujours du partir

au loin, pour aider leurs familles, et s’embaucher.

 

Anticamente il nostro paese era più popolato di ora

qui la maggior parte non avevano mai abbastanza cibo,

così tanti uomini hanno sempre dovuto andare, per aiutare i familiari,

in pianura, per ingaggiarsi.

 

8

Wi Houfara, wéit, i mitsch in anner Lljöit:

a Stuckh Bruat un Chiesch im Sakh, u mussun loan

Wéiber u Chinn un Eji, um n’en muan troan

a söiri Geeld u Spéis, u sua pschitz noch höit!

 

Comme macons, bien loin, et parmi d’autres gens:

un morceau de pain et fromage dans le sac,

devant quitter épouses, enfants et mères,

pour leur porter argent et mets, comme aujourd’hui!

 

Come muratori, lontano, fra altra gente;

un tozzo di pane e cacio nella bisaccia,

dovendo lasciare mogli, bimbi e madri,

per poter portare loro un po’ di denaro e cibo, e così succede ancor oggi!

 

9

 Éttlljigi im Schantji hen mussun loan dä Lebtag

wa Villuru, gottangh, séin muan arwinnen

un blljéiben woa dschi hen glebt Chinn, um vinnen

z’Gschlecht un z’Lann, u sua héi lljéivrun ürriun Tag.

 

Sur le chantier, quelqu’un d’eux dut perdre la vie,

la plupart, heureusement sont rentrés chez eux

pour demeurer où ils ont vécu enfants, retrouver

parents et pays, et ici achever leur vie.

 

Alcuni nel cantiere hanno dovuto perdere la vita

ma molti, grazie a Dio, son potuti ritornare

e rimanere dove sono vissuti da bambini, per trovare

i parenti e il paese, e così finire qui i loro giorni!

 

10

Van héi uger, woa sit lannhuscht ich noch stoan

vümmig vört Éischeme hennich gsien töischun!

Vill Höischer hennich gsien weerden un lljéivrun,

im oalte Vréithof stül Lljöit hennich gsien troan.

 

De ce haut site, où dès longtemps je me dresse,

combien de fois j’ai vu Issime se transformer!

Un tas de familles j’au vu naitre et périr,

grand nombre de personnes descendere au tombeau.

 

Da quassù, dove da tanto tempo io sto ancora ritto,

quante volte Issime ho visto cambiare!

Molti focolari ho visto nascere e finire,

nel vecchio cimitero, stuoli di gente ho visto portare.

 

11

Hen gsien Goweschini troan awek Gmachi,

Lljöit u Steega lljéivrun i mitsch in d’Walla,

Bloatri un Krüppa arvallen, Lawéni, Schniewa

Houfi ouf i Houfi das hen grürt di Tachi.

 

J’ai vu débordements engloutir des maisons,

personnes et ponts etre emportés des violents flots,

éboulement de monts, avalanches, neige

en grand tas, jusqu’à atteindre le dessous des toits.

 

Ho visto alluvioni portar via delle case,

persone e ponti, finire fra i flutti,

frane e poggi diroccare, valanghe, nevicate

mucchi enormi che lambivano i tetti.

 

12

Ich will ni grüzen, wa ich bin nümmi ganz,

halbs binnich im Guvver das ischt héi unner:

d’arüschutu das hen gschpürt Ioari hinner

wénh dsch’arwinnt, vür mich is dén dä létschten tanz!

 

Je vous salue, mais je ne suis plus tout entier,

ma moitié demeure brisée ici dessous:

si le tremblement qui récemment m’a secoué

se bisse, pour moi ce sera le dernier bal!

 

Vi voglio salutare, ma non sono più intero,

metà sono nella pietraia che è qui sotto:

la scossa che ho sentito anni fa

se ritorna, per me sarà l’ultima danza.

 

ICH BIN OALTS, UN GROAWS, UN LOAMS

Je suis vieux, et gris, et invalide

Io sono vecchio, e grigio, e invalido

Immagini correlate